In tempi molto antichi eravamo molto più connessi con la natura, e l’utilizzo di resine, erbe e radici da bruciare sulla brace, ha sviluppato una vera e propria cultura per connettersi con le sfere sottili, comunicare con gli dei, curare malattie sul piano fisico, mentale e spirituale. Bruciate per disinfettare un ambiente, scacciare insetti nocivi.

Diventa così un mondo di profumi e sensazioni meravigliose, rendendo speciali i nostri momenti.

Le resine provengono dalle secrezioni  di varie piante può avvenire per essudazione spontanea o attraverso incisioni sul tronco dalle quali uscirà un lattice appiccicoso che dopo circa un mese inizia ad indurirsi e può essere raccolta.

Vediamo le principali resine e i loro utilizzi.

 

AMBRA

L’ambra è una resina fossile prodotta dagli antenati di conifere e latifoglie. Il suo profumo è balsamico e resinoso. Bruciarla è un esperienza particolare, porta con se la storia di madre terra, era già utilizzata nell’antico egitto.

Libera il nostro cuore dalla tristezza, ci aiuta a lasciare andare emozioni negative, ci avvicina alla nostra sapienza.

Rinforza il sistema immunitario. Per poterla acquistare clicca qui.

 

ASSAFETIDA

Si trova prevalentemente in Afghanistan e in Iran. Per estrarre la resina si tagliano le parti verdi, dai tagli uscirà una resina liquida che verrà fatta essiccare al sole, così diventa solida.

Il suo odore è molto simile all’aglio, si raccomanda di conservarla separatamente in un contenitore ben chiuso, altrimenti con il suo odore pungente penetrerà ovunque.

Il suo utilizzo è molto vario, i tibetani la usano per guarire malattie mentali, scacciare spiriti, maledizioni usata anche nella medicina ayurvetica, allevia stati di choc e crisi di panico. E’ un potente neurotonico, si può usare anche in cucina come spezia. Fra i principi attivi, troviamo una serie di oli essenziali, acidi ferulico e valerico e sostanze solforose.

Le proprietà terapeutiche disinfettanti, digestive, carminative, antispasmodiche, lassative e antimicrobiche tutte qualità che la rendono ottima  per trattare indigestioni, flatulenza, stitichezza, spasmi e dolori di varia natura.

Per acquistarla clicca qui.

BENZOINO DEL SIAM

La resina di benzoino è estratta dalla corteccia dell’arbusto Styrax benzoin dotata di proprietà antibatteriche.

In tempi antichi veniva utilizzata per la conservazione degli alimenti in quanto ritarda notevolmente l’irrancidimento dei lipidi (veniva mescolata al burro) e per la mummificazione dei cadaveri. Veniva anche usato per attrarre fortuna e denaro.

Il suo profumo calma e rilassa è una festa per i sensi, nelle meditazioni ci distacca dalla quotidianità e ci riporta al centro di noi stessi.

Per acquistarlo clicca qui.

BENZOINO DI SUMATRA

La resina estratta dalla pianta Styrax Benzoin presenti nell’isola indonesiana di Sumatra, da cui prende il nome. Solitamente viene utilizzato nelle miscele aromatiche, bruciato singolarmente, emana un profumo molto intenso e pungente.

L’aroma sprigionato nelle fumigazioni ha un potere sedativo e rilassante, riequilibra la rabbia e aiuta a ritrovare la fiducia, a recuperare le energie, allevia gli stati d’ansia e depressione. Per acquistarlo clicca qui.

CANFORA

La canfora è una sostanza cerosa, bianca o trasparente con un forte odore aromatico.

Si trova in parecchi vegetali, ma viene estratta principalmente dal legno della Cinnamomum camphora (Laurus camphora). Viene usata per il suo profumo, come fluido per imbalsamare, nelle cerimonie religiose e per scopi medicinali.

La canfora è usata nelle cerimonie religiose indù, in cina è considerata sacra e usata da tempi antichissimi a scopo medicinale.

Assicuratevi che sia 100% naturale. Scaccia le energie negative e rafforza la concentrazione, ha un effetto inibitorio sulla sessualità.

Per acquistarla clicca qui.

COPALE NERO / SAUMERIO

Si ottiene da un arbusto balsamico molto diffuso in Messico. Irradia un aura molto positiva ottimo per purificare gli ambienti e allontanare tutte le oscurità ,ha un profumo gradevole, profondo e balsamico.

 

 

 

OLIBANO  ( Boswellia carterii)

Si tratta di una resina usata fin dall’antichità, quando diciamo incenso intendiamo Olibano. Proviene soprattutto dall’ Arabia, dalla Somania. Viene usato in chiesa, nei templi, per aprirei sensi e le vie sottili.

Per acquistarlo clicca qui.

 

OLIBANO INDIANO ( Boswellia Serrata)

Nasce principalmente nella regione del Punjab e in mezzo all’Himalaya, si riconosce da quello arabo perché il suo colore è marroncino e un po’ colloso.

Usato per purificare l’Aura e i chakra, aumenta la percezione e la consapevolezza, ha un azione purificante, antinfiammatoria, calmante.

 

MIRRA

La mirra è un arbusto del genere Commiphora, della famiglia delle Burseraceae, che cresce principalmente in Arabia. Già nell’antichità era una delle sostanze profumate più preziose. Ha un profumo morbido e balsamico, si dice che abbia il potere di unire corpo anima e mente, una meravigliosa premessa per una meditazione profonda.

Per acquistarla clicca qui.

 

 

SANGUE DI DRAGO

Di Andy Dingley – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=8949708

Il sangue di drago è una resina di colore rosso, che si ottiene da numerose e differenti specie di piante: Croton, DracaenaDaemonorops, Calamus e Pterocarpus. Questa resina rossa era usata nei tempi antichi per molti scopi: per laccare il legno, in medicina, come incenso e come tinta. ( fonte: wikipedia)

Ha numerose virtù ed è da usare con parsimonia, possiamo bruciarla pura o come potenziante delle altre erbe, ad esempio mischiato all’olibano ne rafforza l’azione purificatrice.

Protezione si brucia aspirando il fumo, influisce positivamente su chakra della radice. Ha uno spiccato odore di fumo e resina.

By Boris Khvostichenko(User:Boriskhv) – Own work, GFDL, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=7175533

Per poter acquistare la resina clicca qui.

Qui possiamo ammirare l’albero dal quale si estrae il sangue di drago ha una aspetto che rimanda a un mondo mistico, unico e strano.

 

 

 

 

 

 

RESINA DAMAR

La resina o gomma è originaria di Sumatra e del Borneo (Indonesia). Si ricava come essudazione da alberi della famiglia Dipterocarpaceae (generi Shorea, Balanocarpus e Hopea). Una volta solidificata, la resina ha l’aspetto di granuli di colore giallo-avorio pallido, teneri e friabili, dall’odore caratteristico.

Il suo profumo è simile al limone. Crea un forte legame con con le dimensioni più elevate aiutandoci a dimenticare depressioni e ferite spirituali profonde, favorisce la chiaroveggenza.

Per acquistarla clicca qui.

 

SANDRACCA

La sandracca è una resina estratta dal Tetraclinis articulata, albero della famiglia delle Cupressaceae originario del Nordafrica.

Produce un fumo leggermente dolce e balsamico e profondamente spiritualeUsata fin dai tempi più antichi, ha ancora oggi ampio uso nell’ambito di spiritualità  neo-pagane a scopo purificatorio e protettivo e nella medicina popolare. Ha un azione molto profonda, ci aiuta a rilassarci, abbassare lo stress. Ci purifica interiormente, rafforzandoci.

Per acquistarla clicca qui.

 

 

Ho trovato splendido cofanetto che racchiude varie resine Styrax – Olibano dell’eritrea – Sandracca – Ambra – Resina di Borgogna Gugul – Copale del Congo – Copale nero – Dammar – Mirra – Benzoino del Siam – Resina di Borgogna per cominciare io lo trovo favoloso.

Se desiderate approfondire l’argomento consiglio un piccolo libricino, ben strutturato con varie ricette e spiegazioni di approfondimento che io utilizzo.